12 maggio 2017

Il Governo italiano pronto a firmare il nuovo Accordo bilaterale su imposizione fiscale

Il Governo italiano è pronto a firmare il nuovo accordo bilaterale sull’imposizione fiscale dei lavoratori frontalieri. Il tema è tornato alla ribalta dopo quasi un anno di silenzio. I funzionari ministeriali italiani e svizzeri hanno infatti ufficialmente concluso le trattative trovando l’intesa sui contenuti già alla fine del 2015; la firma ufficiale sarebbe dovuta essere apposta nel corso del 2016, così da permettere all’Accordo di entrare in vigore entro il 2018. Ma le tensioni sorte tra Italia e Svizzera causa gli attacchi del Canton Ticino contro i lavoratori frontalieri hanno sino a ora rimandato la sottoscrizione dell’importante documento. In particolare, le autorità italiane vorrebbero che il Ticino rinunciasse a richiedere il casellario giudiziale ai frontalieri che necessitano del permesso di lavoro “G”.

L’ipotesi che la firma sia ormai imminente è salita alla ribalta in seguito a una recente dichiarazione di Vieri Ceriani, il rappresentate del governo che ha condotto le trattative per l’Italia. Secondo Ceriani il nostro Paese è “pronto a firmare l’Accordo immediatamente il giorno dopo la cancellazione dell’obbligo del casellario giudiziale, cosa che dovrà avvenire entro fine maggio”.

Una buona notizia che, se confermata nei fatti, darà finalmente il via alla ratifica dell’Accordo da parte dei parlamenti dei due Stati. Un iter che si stima lungo circa un paio d’anni.





Scrivi un commento


Devi effettuare il login per scrivere un commento.

Ultimissime

12/05/2017

Il Governo italiano pronto a firmare il nuovo Accordo bilaterale su imposizione fiscale